ready9.png

COME FUNZIONA LA

LINGUA GIAPPONESE

Otto Pennellino sinistra.png

Ciao a tutti e benvenuti! Prendete carta e penna, comincia la nostra scalata verso il JLPT N5, l'esame di giapponese riconosciuto a livello mondialeOggi iniziamo a immergerci nella lingua giapponese, la lo facciamo da zero assoluto. Passeremo per vocaboli, grammatica, ideogrammi, ascolto, comprensione e tutto ciò che vi serve per distruggere l'esame JLPT N5, ma con calma. Iniziamo dalle basi.

 

Allora siete pronti a scoprire i fattori chiave della lingua? Per farlo partiremo da 4 nozioni di base che ho selezionato per voi, in modo da capire come è impostata una lingua così diversa dalla nostra.

✅Vi anticipo una cosa che vi piacerà sicuramente: noi italiani siamo davvero tanto avvantaggiati e facilitati su alcuni aspetti! Si parte!

LA SCRITTURA

La prima cosa da sapere è questa: il giapponese è una lingua SILLABICA. Significa che se l'italiano ha le lettere, ad esempio R, F e S, il giapponese ha le sillabe, ad esempio:

 

RA, FU, SE, BI, TA

⚠️Non esistono lettere sciolte, quindi non troveremo mai una Z o una R da sole. Ci sono solo due piccole eccezioni a questa regolaLe eccezioni sono:

  • Vocali (A, E, I, O, U)

  • La N

Fine! Facile, vero? Tutto il resto funziona a sillabe, impossibile sbagliarsi.

PRONUNCE

Come anticipato all'inizio, su alcuni aspetti siamo avvantaggiati e le pronunce rientrano tra questi argomenti.

Esistono pochi elementi a cui dobbiamo prestare un po' di attenzione, e ci farete subito l'abitudine!

 

Eccovi due belle tabelle pronte per essere assorbite. Tutto ciò che non è presente, significa che si pronuncia proprio come lo diciamo noi in italiano.

SUONI SIMILI

🚪U

è leggermente chiusa

🧥J

come la G di gioco, giacca

🧣SH

come in sciarpa, sci

🌳W

come in quando, quercia

💨H

è molto aspirata, hhhotel!

🏠Z

come in casa, casella

❄️G

come in ghiaccio, ghianda

🍛CH

è come in cena o cinema

SUONI DIFFERENTI

⛔️L

non esiste! viene traslitterata come R.

Londra sarà Rondra.

⚠️R

un mix tra la R e D, il risultato è una R un po' fiacca. Come Laura, che diventa Raura.

⛔️V

non esiste! Viene traslitterata come B.​ Venezia sarà Benezia.

⚠️FU

Non è netto come lo diciamo noi ma come se soffiassimo: prova a dire FUU mentre fai finta di soffiare sulle candeline!

(senza sputacchiare però)

E ora che sapete tutte queste informazioni che ne dite di fare un po' di pratica? In fondo il nostro esame JLPT N5 sarà tutto a quiz, quindi bisogna assolutamente allenarsi un po'. Dai dai dai, che ci fissiamo per bene i concetti e non avrete più paura di niente. Cliccate sul tasto INIZIO, che si inizia. Che ironia.

Anche l'orecchio vuole la sua parte. Mettete in play e seguite sillaba per sillaba, così anche la parte di ascolto inizia a farsi le ossa!

TAKASHI WA GOZONJI DESU KA

Takashi lo sa?

KIN TO GIN

Oro e argento

Otto Puntarello destra.png

L'origine della lingua giapponese parlata non ha nulla a che fare con la lingua cinese. Infatti secondo una teoria il giapponese deriva dallo stesso ceppo linguistico del finlandese e dell'ungherese! Pazzesco, eh?

CURIOSITÀ!

Otto Senpai.png

METODI DI SCRITTURA

Come già saprete, in giapponese vengono utilizzati dei "simboli" a noi totalmente estranei, ma non c'è da preoccuparsi (o almeno non troppo). Innanzitutto è bene sapere che questi simboli sono divisi in:

 

3 "ALFABETI" 

 

E sono tutti e 3 importantissimi!​ Poco fa ho detto che il giapponese  funziona a sillabe, infatti 2 di questi metodi sono dei SILLABARI, mentre il terzo è formato dai famosi IDEOGRAMMI. Ognuno di questi ha utilizzi ben specifici, li vedremo uno per volta, niente agitazione!

Vi devo dire ancora tre novità meravigliose! In giapponese ci sono diverse cose che mancano rispetto all'italiano... eccole qua:

non ci sono gli articoli

Per esempio NEKO vuol dire "il gatto" o "un gatto"

non esistono le coniugazioni
I verbi sono uguali per tutti. Ad esempio TABEMASU significa
 "io mangio", " loro mangiano", "lui mangia"... Rimane sempre TABEMASU per tutti, una pacchia.
 

non esiste singolare e plurale
Quindi NEKO significa "gatto", "gatti", "gatta", "gatte". C'è NEKO e basta. Una bella trovata!

CURIOSITÀ!

Otto Senpai.png

Il giapponese rientra tra le 10 lingue più parlate in tutto il mondo! Solo i madrelingua sono circa 130 milioni, praticamente più del doppio degli italiani!

DIALOGO

Come prima lezione non è andata malaccio, eh? Ne abbiamo viste di cose. Beh, in questi casi non c'è niente di meglio che godersi un bel dialogo. Abbiamo appena iniziato la nostra avventura e in questo step zero è il nostro obbiettivo sarà abituarci alla sonorità del giapponese. Scaldate le orecchie e mettete in play!

UEDA: KONNICHIWA!

UEDA: Buongiorno!

TAKASHI:  OGENKI DESU KA?

TAKASHI: Tutto bene?

UEDA: HAI, HAI! 

UEDA: Sì, sì!

Otto cuffie.png

✅Come vi è sembrato? Mi raccomando, provate a leggerlo ad alta voce! Perché ricordatevi sempre che se una cosa riuscite a dirla, significa che riuscite anche a capirla se la dice qualche giapponese! Va bene, mettete pure via la vostra roba, la lezione è quasi finita.

RIPASSO

Avete visto che roba? Nella prima lezione siamo già riusciti ad avere tantissime nozioni mega utili per il nostro percorso! Abbiamo gettato fondamenta solidissime. Ma perché non ci assicuriamo di aver imparato proprio tutto? Forza, fate un respiro, mettetevi comodi e schiacciate play, che ci facciamo un bel ripasso.

✅Ok, ok. Mi raccomando, ricordatevi sempre di non fare indigestione di informazioni! Il cervello ha bisogno di tempo per incidere tutte le nozioni che gli state dando in pasto. Per questo motivo bisogna prendersi delle pause sacrosante.

Il segreto è solo uno: la costanza. Un po' per volta, in maniera costante. Un mattoncino per volta e non vi renderete nemmeno conto di quanta strada state percorrendo!

TEST FINALE

Siamo giunti alla fine di questa intensa introduzione al giapponese. È arrivato il momento di dimostrare a voi stessi cosa vi è rimasto in testa affrontando l'esame della lezione. Pronti? Cliccate sul tasto INIZIO e buon divertimento. Si fa per dire.

Testiamo

le tue

capacità!

.

Ricomincia lezione

Tutte le lezioni

Daje, la prossima