• Fabrizio Mazza

5 curiosità che non conosci sul Giappone

Aggiornato il: mar 24

È risaputo: il Giappone è pieno di stranezze. Questo però lo sapevi già, vero?


Tra le centinaia di curiosità che ci sono in questo Paese ce ne sono alcune che, più di altre, hanno attirato la mia attenzione. Preparati perché ho selezionato le mie 5 curiosità preferite e voglio raccontartele!

Foto di Pixabay da Pexels

1. In Giappone non si può fumare all'aperto

Cosa? In che senso non si può fumare all'aperto?


È esattamente l'opposto di quello che succede da noi, perché una scelta così assurda? Anche se ci fa strano, questa misura serve a non recare nessun fastidio o danno alle persone che si trovano intorno a noi o comunque sulla stessa via. Se si viene colti sul fatto, si può incorrere in una multa che può essere altissima!


Per questo motivo esistono delle piccole zone chiamate "Smoking Area" in giro per la città, dove è possibile fumare in tutta tranquillità insieme agli altri fumatori.

Foto di Rist Art da Unsplash

2. Dormire sul lavoro è ben visto

Ok, questa me la tatuo. Se in Giappone ci si addormenta sul luogo di lavoro, verrà probabilmente visto come un buon segno: significa che la persona in questione ha consumato tutte le proprie energie lavorando alacremente fino alla fine. Succede così spesso che hanno coniato una parola per descriverne il fenomeno: Inemuri.

Foto di The Creative Exchange da Unsplash

3. Se starnutisci, stanno parlando di te

Questa è una superstizione che ho scoperto per la prima volta guardando qualche anime. Si dice che quando starnutisci, qualcuno sta parlando di te: se ne fai soltanto uno, sta parlando bene, se ne fai due sta parlando male.


Colpo di scena: se ne fai tre o più, è un normale raffreddore. Mi dispiace, in questo caso al massimo è il dottore che parla di te.

Foto di Brandon Nickerson da Pexels

4. Bere alcolici in compagnia è quasi un obbligo

Gli alcolici sono una parte essenziale della cultura. Esistono serate organizzate proprio allo scopo di divertirsi, stuzzicando del cibo e bevendo alcolici.


E non parlo solo di serate tra amici, ma anche organizzate dalla propria azienda, con lo scopo di rendere più unito il gruppo di lavoro!

Foto di Engin Akyurt da Pexels

5. Gli inchini non sono tutti uguali

Ai nostri occhi probabilmente risultano tutti simili gli inchini che vediamo, tuttavia ci sono ben tre distinzioni:


15°, 30° e 45°. Il grado dell'inchino va misurato in base a chi abbiamo davanti: più la persona è importante, maggiore dovrà essere l'inclinazione. Generalmente si usa quello di 15° in contesti informali, quello da 30° per chi ha uno status maggiore al nostro come ad esempio il capo della propria azienda e 45° a chi sta davvero in alto, come ad esempio l'imperatore o ancora per scusarsi di qualche guaio bello grosso che abbiamo combinato.


Se volete fare un inchino, portate un goniometro!

Foto di Sergey Zolkin da Unsplash

ALTRE CURIOSITÀ

Una curiosità tira l'altra, peggio delle patatine! Se vuoi averne ancora di più, ti lascio al video dove puoi ascoltarne altre 100! Esatto, cento. Prepara i popcorn:


PER QUALSIASI INFO O DOMANDA: tivadigiappare@gmail.com

Copyright TI VA DI GIAPPARE? 2017/20 Tutti i diritti sono riservati   |  Davide Moscato P. IVA 01691020083   |   PRIVACY POLICY