• Fabrizio Mazza

5 consigli utili per prepararsi al JLPT N5

Aggiornato il: apr 29

Arriva l'autunno, cadono le foglie. Arriva il JLPT, sale l'ansia.

Dicembre si avvicina e con lui anche il temutissimo esame del JLPT, so bene cosa si prova. Ci sono passato anche io e ti capisco perfettamente.


L'N5 è il livello di partenza ma non per questo da sottovalutare, perché è da qui che la vera avventura ha inizio e le conoscenze che richiede non sono poi così poche. E come se non bastasse, aggiungiamoci l'ansia della prima volta!

Logo del JLPT

Sono un autodidatta, ho passato interi mesi a studiare ogni giorno ma senza sapere esattamente come e dove andare per potermi esercitare su tutto quello che avevo imparato fino a quel momento, chiedendomi anche cosa mi sarei trovato all'esame. Non sapevo nemmeno come sarebbero state strutturate le prove!


Quanto dura? Come si svolge? Cosa serve? Dopo averlo affrontato (e superato) ovviamente mi è stato tutto più chiaro, ed ora ti dirò esattamente ciò che avrei voluto sapere prima di andarci.

In questo articolo ti voglio spiegare sia come è strutturata la prova, sia darti 5 consigli che ti aiuteranno a superare l'esame!


| COME È STRUTTURATO IL JLPT

Timer

Prima di dirti come è fatto, ti dirò una cosa fondamentale: bisogna portare una matita HB, un temperino e una gomma.


Se proprio dovessi dimenticare qualcosa, te lo daranno gli insegnanti, ma non facciamoci riconoscere come sempre! O come ho fatto io, perlomeno. Ma andiamo avanti e non diciamolo a nessuno.


L'esame è diviso è a tempo ed è diviso in 3 prove, tienilo sempre a mente. Per ogni prova avrai una tempistica ben precisa che ti verrà comunicata appena prima di iniziarla, per cui bisogna ritagliare ogni secondo possibile.


Tutti gli esercizi avranno delle risposte multiple: dovrai selezionare una tra le 3 o 4 opzioni possibili che ti verranno fornite. Per superare l'esame dovrai sia raggiungere sia i punti minimi richiesti per ogni singola prova, sia un punteggio minimo sul totale.





| KANJI E VOCABOLI

Aula

L'esame parte con questa prova, avrai a disposizione 25 minuti. Ci saranno delle frasi con dei kanji sottolineati e ti verrà chiesta la lettura.


Per i vocaboli, invece, ci sono due tipi di esercizi: nel primo avrai delle frasi con una parola mancante, e sceglierai tra 4 parole fornite quella che secondo te va inserita.


Nell'altro esercizio, avrai una frase principale e successivamente altre 4 frasi, devi scegliere quella che ha lo stesso significato di quella principale, questo richiede un po' più di attenzione rispetto agli altri due e ruba molto più tempo.


Riguardo ai kanji ho buone notizie da darti. Come sai hanno più letture (mannaggia a loro) e si possono suddividere in due categorie: letture ON e letture KUN. In questo livello è sufficiente saper leggere la lettura più comune (in genere la lettura KUN), ma ciò che ti piacerà sapere ancora di più è che parliamo sempre e solo di saperli leggere, non serve saper scrivere i kanji! Basta saperli riconoscere e stop!


| LA PARTE DI GRAMMATICA

Strumenti necessari

Qui le cose iniziano a diventare più difficili. La prova di grammatica dura 50 minuti e ci sono diversi tipi di esercizi.


Nella maggior parte dei casi si tratta di avere piccole frasi o dei racconti con dei pezzi mancanti, e dovrai scegliere (un po' come la prova dei vocaboli) cosa va inserito e dove, domande inerenti a dei dialoghi che dovrai leggere con attenzione.


In questa prova è facile fare errori di distrazione, perché spesso l'utilizzo o un altro di qualsiasi parte grammaticale è questione di sfumature, leggi più volte prima di rispondere!



| LA PARTE DI ASCOLTO

Ascolto con i mezzi potenti

Niente cuffie, uno stereo che parte con un volume altissimo e nessuna possibilità di riascoltare. Quindi aprite bene le orecchie.


30 minuti in cui dovrai ascoltare i dialoghi e rispondere. Ci sono 4 tipologie diverse di esercizi, ma in tutte sarà sufficiente rispondere selezionando la risposta.


Sul foglio avrai immagini che generalmente riprendono delle scene che vengono raccontate nel dialogo stesso. Serve molta attenzione per non rischiare di perdere qualche piccolo elemento fondamentale della frase, per cui anche se vi sembra di aver già capito la risposta, aspettate fino alla fine.


| 5 CONSIGLI PER SUPERARE IL JLPT

Lista

1. IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

La prima cosa da fare è domandarsi "so tutto quello che serve?".


Ti sembrerà scontato, ma non lo è. Accertati di aver imparato tutto ciò che l'esame chiede per il livello N5: kanji, vocaboli e grammatica.


Su internet troverai tantissimo materiale a riguardo, dove ti vengono elencati sia i kanji (circa 100) che i vocaboli (circa 800) da conoscere e tutte le strutture grammaticali del caso. Controllale una per una e nel frattempo, prova a ripassarle mentalmente.



2. KANJI

Kanji

Conoscerli è fondamentale, più ci riesci con facilità, più ti porterai avanti.


All'esame avrai 4 risposte, solitamente ne hai due che non c'entrano nulla e due molto simili, per cui leggi bene prima di selezionare la risposta!


Puoi esercitarti sul loro riconoscimenti tramite i nostri esercizi, studiati appositamente per essere il più simili possibile all'esame. Li trovi cliccando sull'immagine!



3. GRAMMATICA

Parti dalle basi

Una cosa che ho sbagliato è stato affidarmi a siti che ti fanno fare tantissimi esercizi, ma si limitano a dirti se le risposte che hai dato sono giuste o no. Se sono sbagliate che faccio? Perdevo tantissimo tempo per capire qual era l'errore e perché. Per fare esercizi come si deve, ti consiglio tre strade:


-La prima è andare direttamente nella nostra sezione: per ogni risposta che dai, ricevi la spiegazione della frase e della risposta corretta, in modo da capire subito se hai sbagliato, cosa e perché.


-La seconda è entrare a far parte dei nostri gruppo Facebook o sul gruppo Telegram, così per qualsiasi dubbio potrai chiedere e confrontarti con la community.


-La terza strada è affidarsi ad alcuni libri specializzati, un esempio è questo:


4. ASCOLTO

Fanne TANTO. Su Youtube trovi tantissimi esercizi strutturati esattamente come l'esame.


Inizialmente non capirai nulla e ti sembrerà che i dialoghi siano troppo veloci: non ti preoccupare, è normale. Nel caso te lo fossi perso, in questo articolo ho scritto diversi consigli per migliorare l'ascolto e molte risorse aggiuntive che possono davvero farti fare un miglioramento consistente, dagli una lettura e fammi sapere!


5. RIPOSATI

Se non fai mai delle pause, andrai facilmente in confusione e sarai più stanco.

Staccare completamente dallo studio serve al tuo cervello per "incidere" tutte le informazioni che ha appreso durante tutti questi mesi di studio.


Se non ne hai mai fatte, fermati per una settimana o 10 giorni. Quando riprenderai in mano il giapponese scoprirai cosa effettivamente hai imparato e cosa hai bisogno di rivedere, è fondamentale!

Ed eccoci arrivati a fine articolo. Questi erano i miei 5 consigli, ma non ci fermiamo certo qui!

Ti allego anche il video di Davide, dove ti suggerisce altri consigli utilissimi per poterlo affrontare al meglio, dagli un'occhiata e qualche chicca. E mi raccomando, fammi sapere qui nei commenti se ti sono stati utili!


PER QUALSIASI INFO O DOMANDA: tivadigiappare@gmail.com

Copyright TI VA DI GIAPPARE? 2017/20 Tutti i diritti sono riservati   |  Davide Moscato P. IVA 01691020083   |   PRIVACY POLICY